Cosa vedere a Lecce – Masseria Papaleo

Per la rubrica “Cosa vedere a Lecce” –

In realtà, trattasi di una villa, sita nei pressi delle cave “te Marcu Itu” ( di Marco Vito). La costruzione attuale fu edificata nel 1700, sui resti di un palazzo nobiliare del 1500, proprietà del nobile Scipione De Summa, governatore di Terra d’Otranto dal 1532 al 1542.

La villa sorge su un blocco calcareo e presenta un’interessante struttura interna, scavata nella tipica pietra leccese, chiamata: Ninfeo delle Fate, risalente alla fine del 1500. In un grande ambiente sono raffigurate Ninfe in altorilievo. Grandi conchiglie sono scolpite su 12 nicchie. In un ambiente contiguo, di forma circolarevi è un sedile intorno alle pareti e vasca centrale.

È evidente la presenza di elementi mitologici greco-romani, legati al culto delle acque, in un luogo, peraltro, una volta ricco di sorgenti ed acque stagnanti.

La credenza popolare ha fantasticato strani episodi relativi al Ninfeo.

Secondo una leggenda le Ninfe erano custodi di un’Acchiatura, un tesoro nascosto in quel luogo. Secondo alcuni, nella villa si potevano scorgere lampi di luce misteriosi, fate vestite di bianco o nude, che, con la loro bellezza potevano pietrificare chiunque le guardasse.

Recentemente la villa è stata restaurata dal Comune di Lecce con finanziamenti regionali. È aperta per visite turistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *