lecce

Lecce, Città d’Arte

Basilica di Santa Croce   Piazza Sant'Oronzo   Porta Napoli

Lecce è una città ospitale, ricca di monumenti barocchi, nati, soprattutto, nel XVII secolo, grazie alla duttilità straordinaria della sua pietra e alla esuberante creatività dei suoi architetti. E’ un museo a cielo aperto, con le sue numerose Chiese e i suoi ex Conventi. Veniva definita la città delle Chiese, perché, fino al XIX secolo, se ne contavano ben 160. Oggi, di queste, ne sono rimaste circa 40.

Antichissime sono le origini di Lecce: da Lupiae Messapica a fiorente città in epoca romana. Nel XIX secolo lo storico tedesco F. Gregorovius la definì “la Firenze del Sud”. Il turista è travolto dal fascino di una città di rara bellezza: non possiamo dimenticare l’esuberante e scenografica facciata della basilica di Santa Croce, che rappresenta il trionfo della Croce sui riti pagani, la ricercatezza barocca del prospetto della Chiesa di S. Giovanni Battista ed il salotto dei leccesi, piazza S. Oronzo, con l’Anfiteatro Romano, realizzato nel periodo di Adriano. In prossimità della piazza si possono visitare la Chiesa di S. Maria delle Grazie, del XIV secolo, la Chiesa di S. Irene, dedicata alla Santa, che fu patrona della città fino al XVII secolo e la splendida piazza del Duomo, una delle più belle d’Italia, con il suo imponente campanile, alto 70 metri.

Basilica Santa Croce - particolare   Chiesa di San Matteo   Chiesa di Sant'Irene

Per finire, sono da ricordare il maestoso Arco di Trionfo (Porta Napoli), il Castello di Carlo V, la Chiesa di S. Matteo, dal prospetto curvilineo, tipico del barocco borrominiano, il Teatro di epoca romana ed il fascino delle viuzze del centro storico, dette “giravolte”.

Un primo approccio con la città può iniziare attraverso Porta S. Biagio, a 100 metri, circa, dal “Cortile delle Esperidi” percorrendo via dei Perroni (la Movida leccese) e via Federico D’Aragona, si schiude il cuore del centro storico, con i suoi monumenti più belli.